Le panchine erano vuote

 
    Oggi ho rivisto quelle luci.. mentre continuavo a muovermi per non congelarmi
    in attesa del treno.. ho ripercorso le stesse scale e rivissuto nella mente quella
    scena buffa che volevo immortalare in una foto.. ma che ho impresso nell’album
    dei ricordi.. Stavolta però faceva freddo.. era tutto uguale ma così diverso.. Le
    panchine erano vuote.. c’era silenzio.. poche persone ammutolite dal vento.. con
    i guanti.. le sciarpe.. ed io che cercavo un po’ di tepore tirando su la zip della
    giacca e mettendo le mani nelle tasche.. Sembrava passato chissà quanto da quel
    giorno.. quante cose sono successe in così poco tempo.. forse troppe.. Ed ho visto
    tutto ciò che allora non ho fatto.. non ho detto.. Sono salita sul treno con un po’
    di timore.. come se mi mancasse una protezione.. e fossi più vulnerabile.. Mi
    guardavo intorno.. scrutando ogni viso.. in cerca di un conforto che non ho trovato..
    come un bimbo in cerca del profumo della mamma.. Nel finestrino leggevo i pensieri..
    Ho invidiato la me di quel giorno.. ignara che sarebbe stata invidiata.. Ho sentito i
    miei limiti.. e quanto non merito tutto ciò che ho.. Ho visto una scena agghiacciante e
    il coraggio.. che forse io non avrei avuto.. Poi sono scesa.. correndo verso la
    macchina.. facendomi coraggio nel buio del parcheggio.. come se fossi in balia di 
    chissà quale pericolo.. Chiuso lo sportello gli occhi sono diventati umidi.. ero nel vuoto
    con la mente.. impotente di fronte alla realtà.. Impotente di fronte a vissuti di persone
    che meritano così tanto dalla vita.. Io che sono così piccola rispetto a loro.. io che non
    so neanche come si scrive la parola soffrire e non posso permettere che nemmeno una
    lacrima righi il mio viso.. ho tutto ciò che spetterebbe a queste persone.. che gli spetta
    per diritto.. mi sento una ladra.. E avrei bisogno di dare un abbraccio.. di dare e
    ricevere un abbraccio.. ma ho già rubato abbastanza..

1 Commento (+aggiungi il tuo?)

  1. Sonia
    Nov 06, 2006 @ 15:21:27

    grazie per la giornata di sabato.. grazie per esserci stata quando NESSUNO c’era e anche per la notte in cui con uno scherzo hai destato il mio triste momento per qualche minuto.. bello l’oggetto, bello il ricordo.. pero’ credo che ora sarebbe meglio abbandonare il passato e vivere il presente, magari entrambe con una bella vancanza.. :))) daiiiiii pi’… io ci sono!

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: